Il vero valore aggiunto dei blog - Andrea Vit 's Blog

My Links

Leggimi nel nuovo blog: troverai contenuti aggiornati.
Andrea Vit - Consulente SEO
www.andreavit.com

giovedì 22 marzo 2007

Il vero valore aggiunto dei blog

In questi giorni sto leggendo molte discussioni sul basso numero di lettori dei blog italiani e sul reale valore che il fenomeno ha nella comunità di Internet: si tratta di una moda o il blogging è un fenomeno in grado di rivoluzionare il mondo del Web?

Personalmente credo che il vero valore aggiunto del blog è che non si tratta di uno strumento informativo di tipo push (le informazioni sono spinte verso l'utenza) come i telegiornali o i giornali, dove i contenuti sono imposti e dove l'utenza svolge un ruolo pressochè passivo.

Gli utenti dei blog hanno un ruolo attivo: leggono, valutano e si fidelizzano alle risorse di interesse.

I fattori che incidono sulla scelta sono molteplici:
- qualità dei contenuti;
- argomenti trattati;
- presenza di commenti e spunti di discussione;
- stima nei confronti dello scrittore.

Questo cambio di prospettiva nella fruizione delle informazioni credo sia importantissimo e sia una vera e propria svolta democratica dell'informazione.

Chiunque è libero di scegliere i propri blog e i contenuti da leggere senza dipendere dai giornalisti dei portaloni e delle testate.

Si crea una vera e propria rete sociale fatta di commenti, dibattiti e approfondimenti sugli argomenti che veramente interessano.

I blog di nicchia sono fondamentali in questo senso, poichè rappresentano il fulcro della blogosfera ed il luogo dove nascono i pensieri e le esperienze più interessanti.

Se vi fossero solo blogghetti di politica e attualità con grandi numeri di audience che novità ci sarebbe rispetto ai contenuti dei media tradizionali?Gli utenti che vantaggi avrebbero?

Interessanti spunti sull'argomento sono reperibili in un post di Massimo Mantellini(da cui è partita la discussione), in questo post di Mauro Lupi, in quello di Stefano Epifani dove si parla della cosiddetta "Coda Lunga".

1 commento:

Stefano Epifani ha detto...

grazie della citazione! :-)